Playmostore negozio Playmobil Ticino

È uscito il nuovo libro con un nostro articolo

23/06/2023 18:12:05
Visualizzazioni: 321
nuovo libro di visione tv
nuovo libro di visione tv

GUERRA: SCACCHIERA MORTALE – VISIONE 03/2023

È uscito il libro con un importante articolo del nostro direttore Marco Cassiano de Cousandier sul tema della guerra. Da non perdere.

15,00

Data di uscita: Luglio 2023
Pagine: 320
Copertina: morbida
Formato: 24 X 16cm

ISBN: 9788894749229

Per acquistarlo: https://visionetv.it/prodotto/guerra-scacchiera-mortale-visione-03-2023/

Se avete problemi con la consegna in Svizzera prendete contatto con noi e vi possiamo offrire un fermo posta italiano. info [at] la4.ch

Descrizione

L’eccesso di notizie della nostra epoca provoca paradossalmente il risultato di impedire una conoscenza, anche approssimativa, delle principali questioni che assillano il mondo. Il moltiplicarsi dei mezzi di informazione produce, infatti, un finto pluralismo, aumentando semmai all’infinito le voci che indottrinano ma non spiegano, raccontano ma non dicono nulla. In questo fenomeno di appiattimento e svuotamento dell’informazione, si insinua la manipolazione sociale che alimenta questo sistema vizioso, dando vita a una narrazione a senso unico, in cui le voci divergenti vengono boicottate, denigrate e persino censurate.

La propaganda viene utilizzata per legittimare interventi bellici e misure liberticide: la distorsione e l’esagerazione della minaccia globale e del “nemico” che vengono offerti alle masse si coniugano con la divulgazione di fake news atte a instillare nell’opinione pubblica la percezione di un pericolo che va a tutti i costi fermato per salvaguardare la libertà e i princìpi democratici. Diventa, pertanto, sempre più difficile invocare un dialogo su questioni urgenti e di fondamentale importanza, come la guerra e svelare i retroscena legati alla geopolitica, all’economia e ai risvolti sociali che ruotano intorno a quei conflitti che vengono portati avanti contro i popoli.

Guardare avanti, difendere i diritti e le libertà, vigilando sulla verità dell’informazione, significa anche voltarsi indietro e conoscere la storia. Imparare dal passato per evitare di replicare gli errori delle precedenti generazioni. Perché, in fondo, le dinamiche dei guerrafondai sono le medesime e si replicano in modo banale, farsesco, ripetitivo, schematico. La storia ha delle costanti che si ripetono in modo ricorrente quando un modello di menzogna ha funzionato ingannando il mondo una volta, esso viene replicato fino all’evidente parodia di sé. 

 

Per evitare di rimanere vittime di un eterno ritorno, ci si dovrebbe immunizzare dalle macchinazioni egoistiche del potere e dalle illusioni offerte alle masse per giustificare le continue aberrazioni a cui sono sottoposte. Per evitare di ripetere catastrofi e genocidi, dobbiamo essere disposti a riappropriarci della nostra mente critica, per pensare fuori da quegli schemi impostici dall’alto e per abbandonare la comodità della retorica della politica che dietro il buonismo e il politicamente corretto, nasconde sogni di morte e di conquista. 

Perché, come scriveva Hegel, «Quando consideriamo la storia come un simile mattatoio, in cui sono state condotte al sacrificio la fortuna dei popoli, la sapienza degli stati e la virtù degli individui, il pensiero giunge di necessità anche a chiedersi in vantaggio di chi, e di quale finalità ultima, siano stati compiuti così enormi sacrifici».

Hanno partecipato a questa edizione: Francesco Azzaro, Mauro Belardi, Glauco Benigni, Eliseo Bertolasi, Pino Cabras, Franco Cardini, David Colantoni, Antonello Cresti, Marco C. De Cousandier, Antonio Di Siena, Elisabetta Frezza, Giacomo Gabellini, Fulvio Grimaldi, Alfio Krancic, Alessandro Labonia, Alberto Lombardo, Andrea Lucidi, Francesco Magis, Alessio Mannino, Marco Rizzo, Riccardo Paccosi, Alessandro Pascale, Enzo Pennetta, Enrica Perucchietti, Giovanni Potente, Roberto Quaglia, Lamberto Rimondini, Bruno Scapini, Michelangelo Severgnini, Gilberto Trombetta, Fabrizio Vielmini, Roberto Vivaldelli, Eduardo Zarelli.

Video della notizia

Immagini della notizia

Categorie:
Tag: